I MIGLIORI PRODOTTI A CASA TUA - CONSEGNA SEMPRE GRATUITA

Bietole da Costa - 500 g
Bietole da Costa - 500 g
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, Bietole da Costa - 500 g
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, Bietole da Costa - 500 g

Bietole da Costa - 500 g

Prezzo di listino
€2,90
Prezzo scontato
€2,90
Prezzo di listino
Esaurito
Prezzo unitario
per 
Imposte incluse.

Origine: Liguria 

Le coste sono un tipo di bietola, pianta erbacea di cui esistono 2 varietà. La prima è quella da taglio: hanno foglie tenere e sapore delicato, per questo sono note con il termine erbette. La seconda varietà è quella nota con il nome di bietole a coste, o solo coste.

Valori nutrizionali

  • Acqua 89,30g.
  • Carboidrati 2,80g.
  • Zuccheri 2,80g.
  • Proteine 1,30g.
  • Grassi 0,10g.
  • Fibra totale 1,20g.
  • Sodio 10mg.
  • Potassio 196mg.

Come si usa la bietola in cucina

La bietola da coste può essere usata come i cardi, utilizzando solo le coste e senza usufruire della lamina. La bietola verde da taglio è praticamente usata come gli spinaci, anzi, da qualcuno è preferita perché più dolce. Può essere usata per la preparazione dei pizzoccheri valtellinesi. Oltre che lessata e ripassata in padella, insaporita a piacere, se ne possono fare sformati ed è molto usata in sostituzione degli spinaci. Ben lavate, le coste si mettono a lessare in acqua salata, quando bolle, senza farle cuocere troppo in modo che non si spappolino. Le si può puoi condirle con burro e parmigiano, oppure metterle in forno con formaggio e besciamella.

Come si cucinano a Genova

Con la parte verde delle foglie a Genova si fa un piatto tradizionale detto "torta de gè". Si tolgono le costole e si tiene la parte verde delle foglie Si lavano e si fanno cuocere in una pentola con del sale senza acqua in quanto ne produrranno a sufficienza per la cottura Si scolano e si strizzano Si aggiunge la bietola ad un soffritto con olio, cipolla a fettine, aglio, prezzemolo tritato e un po' di funghi secchi fatti rinvenire e tagliuzzati Tolta la casseruola dal fuoco, si lascia raffreddare un po' e poi si condisce con tre uova sbattute, pepe e ancora un po' d'olio Si unge una teglia e vi si passa poi del pane grattugiato, si mette il composto spianandolo con una lama di coltello e cospargendolo di altro pane grattato, passandolo poi in forno finché il pane non è dorato. Si può mangiare anche calda, ma è meglio se tiepida